Termometro da cucina professionale: quale scegliere?

Ultima modifica 31 12 2020 alle 12:09

 

Il termometro da cucina professionale è uno strumento utilizzato per rilevare la temperatura degli alimenti, un modo estremamente preciso per capire se quello che stai cucinando è pronto oppure no.

Si tratta di uno strumento indispensabile nelle cucine professionali, nonché in quelle di casa.

Sarà capitato a tutti di prendere una cosa dal forno che era troppo cruda o troppo cotta.

Se sei come me, che ogni volta che sbagli una ricetta sprofondi nello sconforto più totale, puoi consolarti sapendo di non essere l’unico, nonché sapendo che c’è uno strumento che può mettere fine a tutto questo:

il termometro da cucina.

In questa nuova guida firmata Coltelli e Strumenti da Cucina ti voglio spiegare come usare il termometro per cucina, quali sono i modelli migliori e i prezzi nel mercato.

Sentiti libero di andare al paragrafo che ti interessa.

 

 

Termometro da cucina professionale: a cosa serve?

 

A cosa serve il termometro da cucina? Il termometro da cucina serve per controllare la temperatura degli alimenti, una tattica sempre utilizzata nelle cucine professionali.

Ma non solo.

Il termometro da cucina professionale è anche un ottimo strumento quando devi cucinare degli alimenti senza superare una certa temperatura.

Prendiamo in esempio la crema pasticciera.

Dopo aver portato in ebollizione il latte bisogna aggiungere la parte di ingredienti con le uova.

Quest’ultime non devono superare la temperatura di 72 gradi altrimenti finiscono per cuocersi (e più che una crema rischi di fare una frittata).

In questo caso utilizzare un termometro per cucina professionale può essere decisamente d’aiuto, uno strumento che ti permette di controllare continuamente la temperatura.

Sebbene ci siamo abituati a cucina senza questo strumento, ti posso dire per esperienza diretta che con il termometro da cucina diventerai decisamente più preciso, un qualcosa da aggiungere agli strumenti da cucina indispensabili.

A questo punto vediamo i modelli che ci sono nel mercato e quale scegliere.

Termometro da cucina con sonda
Photo by Anna Tarazevich da Pexels

 

Termometro per cucina: quale scegliere?

 

Quali termometri si utilizzano in cucina? Esistono diversi tipi di termometri per cucina:

  • termometro da cucina ad infrarossi;
  • termometro da cucina per olio;
  • termometro da cucina digitale;
  • termometro da cucina con sonda;
  • termometro da cucina per forno;
  • termometri da cucina da carne;
  • termometri da cucina per frigorifero;
  • termometro da cucina da forno;
  • termometri da cucina per microonde;
  • termometri da cucina per frittura;
  • termometri da cucina per marmellata.

A questo punto la domanda sorge spontanea: quale scegliere? Bene, questo dipende molto dal tipo di cucina che fai.

Ad esempio, il termometro da cucina ad infrarossi è utilizzato per controllare i prodotti alimentari, specialmente quando questi vengono consegnati.

Devi sapere che nelle cucine professionali bisogna prendere la temperatura degli alimenti che vengono consegnati per capire se sono stati conservati bene dal fornitore.

Questo compito è oggi svolto prevalentemente dal termometro da cucina ad infrarossi.

 

 

Quando si cucina, invece, il migliore è il termometro da cucina con la sonda.

Quest’ultimo ti permette di penetrare nel cuore degli alimenti e capire la temperatura interna, ovvero se quello che stai cucinando è cotto oppure no.

Si tratta di uno strumento da cucina indispensabile nelle cucine professionali, ma dato il prezzo contenuto e la sua utilità, non puoi non avere questo prodotto anche in casa.

 

 

Vediamo nel dettaglio tutti i diversi tipi di termometri da cucina.

 

Termometro da cucina con sonda

 

Il termometro da cucina con sonda è quello più utilizzato nonché quello che ti consiglio maggiormente perché è preciso, costa poco e non si rompe praticamente mai.

Si tratta di una bacchetta lunga 15-20cm circa, con un piccolo display a cui è attaccata la sonda.

Ogni volta che vuoi controllare la temperatura di un alimento, non devi fare altro che accendere il termometro e successivamente affondare la sonda, che gode di una notevole punta, nel cuore di ciò che stai cucinando.

La sonda, fatta in acciaio inox, rileva subito al temperatura che viene indicata nel display.

Ma fai attenzione a questo passaggio.

Infatti è necessario mantenere la sonda all’interno dell’alimento che stai cucinando per qualche secondo affinché questa ti dia un risultato preciso.

E’ così che si usa fare nelle cucine professionali.

Il termometro da cucina con sonda è estremamente preciso e ti permette di rilevare le temperature che vanno da -50° fino a +300°, quest’ultimo aspetto oscilla di modello in modello.

Io utilizzo da diversi anni questo prodotto la cui batteria non si esaurisce mai ed ha un sistema di spegnimento automatico dopo diversi minuti che non viene utilizzato.

 

 

Tuttavia tieni in considerazione che ci sono molti altri modelli tra cui poter scegliere.

Quest’ultimo modello per me è sempre stato una buona scelta per la sua maneggevolezza.

E’ piccolo, pratico e preciso.

Ma tieni anche in considerazione che ce ne sono di altri tipi come quello che vediamo nel paragrafo che segue.

 

Termometro digitale da cucina

 

Il termometro digitale da cucina dispone di una display che rileva la temperatura di un alimento.

Tra i migliori c’è il termometro digitale con doppia sonda.

Si tratta di un modello nuovo che ti permette di rilevare la temperatura di due alimenti contemporaneamente grazie alla doppia sonda.

Ma non è tutto.

Grazie alla doppia sonda puoi anche rilevare la temperatura di un alimento in due diversi parti in tempo reale, come quando hai bisogno di capire la temperatura interna ed esterna di quello che stai cucinando.

Il display digitale ti fornisce in tempo reale la temperatura, come nel termometro digitale da cucina che segue, un apparecchio preciso che rileva la temperatura da -10° fino a +300°.

 

 

Anche in questo caso, puoi trovare tantissimi altri prodotti che hanno il display digitale e come puoi vedere parliamo di termometri precisi, di buona qualità che hanno un prezzo decisamente contenuto.

 

Termometro da cucina infrarossi

 

Il termometro da cucina ad infrarossi permette di rilevare la temperatura degli alimenti semplicemente puntando il suo raggio infrarossi su un alimento, la cui temperatura viene fornita sull’apposito display.

Si tratta di un termometro che al giorno d’oggi va molto per via della sua semplicità.

Infatti puoi rilevare la temperatura anche rimanendo lontano dall’alimento in questione, senza quindi sporcare il termometro ed evitando ogni genere di contaminazione.

Si tratta di uno strumento molto comodo.

Tuttavia ti consiglio di utilizzarlo per rilevare la temperatura esterna di alimenti e superfici.

Infatti il temometro ad infrarossi è ottimo se hai bisogno di conoscere la temperatura esatta del forno o quella esterna di un alimento.

Ma se hai bisogno della temperatura interna, il termometro con la sonda rimane la migliore scelta.

Come ti dicevo all’inizio di questa guida, nelle cucine professionali il termometro ad infrarossi viene utilizzato prevalentemente per rilevare la temperatura degli alimenti quando vengono consegnati.

Bisogna essere sicuri che i prodotti congelati siano sotto lo zero e che i prodotti freschi siano ad una temperatura di 5°.

Anche in questo caso puoi scegliere tra tantissimi modelli, di buona qualità, che hanno un prezzo contenuto.

 

 

Ti posso dire che quest’ultimo è anche ottimo come termometro da cucina per frigoriferi e termometro da cucina per frittura.

Tuttavia per la temperatura dell’olio io preferisco il prodotto che scopriamo nel paragrafo che segue.

 

Termometro da cucina per olio

 

Il termometro da cucina per olio, e per liquidi in generale, ti permette di rilevare la temperatura dell’olio in tempo reale.

Si tratta di un ottimo strumento se devi friggere dato che puoi tenere sempre sotto controllo la temperatura e i tempi di frittura.

Tutti i termometri per cucina che abbiamo visto fino ad ora possono svolgere questo compito senza grandi problemi.

Tuttavia, tieni in considerazione che c’è un tipo di prodotto specifico per questo, il termometro per frittura in acciaio inossidabile.

Si tratta di un prodotto specifico perché rivestito completamente di acciaio inossidabile, un materiale che non si rovina e deteriora quando entra in contatto con l’olio ad alte temperature, che spesso tende a schizzare.

 

 

Se hai necessità di rilevare la temperatura dell’olio, nonché dei liquidi in generale, ti consiglio di prendere in considerazione questo prodotto, molto più resistente per questo genere di compito.

Il suo raggio di temperatura è tra gli 0° gradi fino ai 300°.

 

Termometro da cucina per forno

 

Dopo diversi anni spesi ai fornelli ti posso dire con certezza che la temperatura all’interno del forno non è mai costante.

Così oggi viene in nostro soccorso il termometro da cucina da forno, un prodotto che permette di rilevare la temperatura esatta del tuo forno o degli alimenti che stai cucinando.

Come funziona?

Si tratta di un display che devi lasciare fuori dal forno, lo puoi appoggiare tranquillamente sopra il forno o su un vicino tavolo da lavoro.

A questo display è attaccata una sonda in acciaio inossidabile con un filo che ti permetterà di lasciarla dentro il forno anche per tutta la durata della cottura.

Ad esempio, se devi fare le patate al forno, puoi infilare la sonda dentro una patata e poi selezionare la temperatura di 85 gradi.

Il termometro monitorerà tutto il tempo la temperatura della patata, arrivato ad 85°, ti avvertirà suonando.

Davvero comodo, davvero utile, mentre le tue patate si cuociono ti puoi dedicare ad altri piatti senza la paura che stai bruciando qualcosa e senza il dispiacere di fermare la cottura in anticipo.

 

 

Quanto costa il termometro da cucina? I prezzi

 

Termometro da cucina professionale prezzo: il termometro da cucina professionale ha un prezzo che parte dalle 10 euro e può arrivare fino a 300 euro a salire.

In cucina quasi sempre vale la regola che paghi in base a quello che ottieni, ovvero in base a quello che spendi avrai più o meno un prodotto di qualità.

Puoi comprare un buon coltello da cucina professionale e spendere 100 euro, una somma che ti permetterà di avere quest’ultimo per tutta la vita se lo tieni con le dovute accortezze.

Per i termometri da cucina vale la stessa regola ma con un’unica eccezione.

Il loro prezzo è davvero contenuto.

Per esperienza diretta ti voglio dire che con 20 euro puoi acquistare un prodotto che ti dura tutta la vita.

Ad esempio, quelli che abbiamo visto nei paragrafi precedenti sono degli ottimi prodotti, che durano una vita se tenuti bene.

Tuttavia ti consiglio una cosa.

Se devi rilevare la temperatura dell’olio caldo acquista un apposito termometro dato che in questi casi puoi usurare facilmente un termometro che non è in acciaio inox inossidabile come abbiamo visto nel paragrafo dedicato.

Per tutti gli altri casi, il termometro con la sonda va più che bene, a mio avviso è il migliore che c’è attualmente in commercio.

Lascia un commento

Privacy Policy Cookie Policy
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: